Vino Rosso Pugliese: Storia e Vitigni

vino-rosso-pugliese

Meno nota della Puglia delle cattedrali romantiche e dei trulli c’è una Puglia, infatti, che da secoli produce uve e vini pugliesi e che negli ultimi anni sta proponendo in tutto il mondo un’ immagine diversa delle sue vocazioni e delle sue risorse.

In ogni angolo di questa regione rossi, rosati o bianchi, vini da taglio, vinelli dell’ultima vendemmia per la tavola di tutti i giorni, o blasonati, distillano profumi e colori della terra delle pietre, del grano e dell’olivo, della fantasia e spirito di intraprendenza dei pugliesi.

Un omaggio alla puglia, terra di nobili tradizioni e di vivaci fermenti imprenditoriali che meritano un doveroso interesse.

La Puglia è una delle mete turistiche più gettonate dagli italiani e dai turisti stranieri specie nel periodo estivo. Tra arte, cultura e natura, la Regione eccelle anche per quel che riguarda l’enogastronomia visto che c’è una Puglia da bere e da scoprire a partire dai tanti vini rossi.

In particolare, è possibile acquistare il miglior vino rosso pugliese nelle migliori cantine che sono presenti sul territorio potendo scegliere nello specifico tra prodotti come il Negroamaro, il Primitivo di Manduria ed il Salice Salentino solo per citarne alcuni.

Oltre a quelli indicati, l’offerta di vino rosso pugliese nelle migliori cantine che sono presenti sul territorio è caratterizzata anche da un’ampia scelta di prodotti Dop e Igp dal gusto corposo ma anche con un carattere e con un’identità che sono da un lato assolutamente unici, e dall’altro in grado di soddisfare sempre i propri gusti.

Per gli amanti dell’ enoturismo, quindi, la Puglia rientra tra le Regioni italiane da visitare recandosi presso le cantine e le enoteche, al fine di degustare il vino rosso pugliese, ma anche partecipando alle tante fiere ed alle manifestazioni enogastronomiche che sono programmate sul territorio tutto l’anno insieme alla promozione ed alla valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici, dall’olio ai salumi e passando per i formaggi, il pane e la pasta artigianale.

Vino Pugliese Rosso: I Migliori  Vini Rossi Pugliesi

I vitigni presenti oggi in Puglia sono tanti e tutti producono vini rossi pugliesi fantastici.  Adesso cerco di elencare quelli che sono i principali vitigni rossi Pugliesi con le caratteristiche principali.

Vino Rosso Pugliese: Aglianico

aglianicoFOGLIA: di grandezza media, orbicolare, leggermente cuneiforme; seno peziolare a lira chiuso con i bordi sovrapposti; pagina superiore glabra, opaca, color verde cupo; pagine inferiore verde chiaro, lanugginosa.
GRAPPOLO: di media grandezza e compattezza, semplice o alato con due ali ben sviluppate, cilindo o conico; acino di media grandezza, sferoide; buccia ricoerta di abbondante pruina, di colore blu uniforme; succo incolore; polpa succosa, neutra, acidula con 2-3 vinaccioli.

CARATTERISTICHE VITICOLE-ENOLOGICHE: vitigno di buona vigoria e fertilità. Matura tra la fine di settembre e i primi di ottobre. E’ utilizzato exclusivamente per la vinificazione, dà origine al rinomato vino del Vulture, che per le caratterstiche organolettiche, invecchiato può essere paragonato ai più classici vini italiani. Viene usato, anche, come base per la preparazione di vini spumante.

Zucchero 22%; ac. tot. 9-10%; pH 3,10-3,2

Vino Rosso Pugliese: Aleatico

aleticoFOGLIA: pentagonale ed orbicolare, di media grandezza con seno peziolare a lira; pagina superiore glabra di colore verde scuro, mediamente brillante; pagine inferiore glabra di colore verde chiaro.

GRAPPOLO: di grandezza media, allungato con un’ala, alquanto spargolo; acino medio discoide; buccia pruinosa di colore blu; polpa succosa di sapore moscato, dolce ma con aroma caratteristico; 2 vinaccioli in media.

CARATTERISTICHE VITICOLE-ENOLOGICHE: vitigno di buona vigoria e fertilità, matura a fine settembre; dà un vino rinomato, di delizioso aroma, dolce, naturale e liquoroso, di un bel colore rubino.

Zucchero 25%; ac. tot. 6-7%.

Vino Rosso Pugliese: Bombino Nero

FOGLIA: grandezza media, quinquelobata; seno peziolare a bardi sovrapposti; pagine superiore verde cupo, lucida, glabra; pagina inferiore aracnoidea.

GRAPPOLO: grosso, compatto, prevalentemente con due ali; acino grosso, sferoide, di colore blu; buccia pruinosa, consistente; succo incolore, neutro; con 2 vinaccioli in media.

CARATTERISTICHE VITICOLE-ENOLOGICHE: vitigno di buona vigoria e abbondante produzione, matura nella seconda decade di ottobre. Entra nell’uvaggio con altri vitigni per la produzione dei D.O.C. Castel del Monte rosso e Castel del Monte rosato nella proporzione del 30% e del 70% o del 100%.

Zucchero 21%; ac. tot 6-7%; pH 2,90-3,30.

Vino Rosso Pugliese: Cabernet Sauvignon

FOGLIA: di media grandezza, pentagonale, quinquelobata con seno chiuso a bordi sovrapposti; pagina superiore glabra, verde scuro, opaca; pagina inferiore aracnoidea, verde chiaro.

GRAPPOLO: piccolo, cilindro-piramidale, spesso con un’ala molto pronunciata, un po’ compatto; acino medio, sferoidde, regolare; buccia molto pruinosa, spessa, consistente; polpa un po’ carnosa di sapore erbaceo; 2-3 vinaccioli per acino.

CARATTERISTICHE VITICOLE-ENOLOGICHE: vitigno di buona vigoria e discreta produttività, è usato esclusivamente per la vinificazione. Si ottiene un ottimo vino fine da pasto, di colore rosso rubino, di copro ed alcoolico, che migliora con un invecchiamento di un paio di anni. Per la minore produttività è meno usato del Cabernet franc.

Zucchero 18-22%; ac. tot. 5-7%; pH 3,10-3,60.

Vino Rosso Pugliese: Malbeck

FOGLIA: di media grandezza, bollosa, quasi intera; seno peziolare a U; colore verde cupo la pagina superiore, più chiara la pagina inferiore, che è feltrata.

GRAPPOLO: piramidale, abbastanza grande, alato, mediamente serrato; acino quasi grande, subrotondo; buccia pruinosa di colore blu scuro intenso.

CARATTERISTICHE VITICOLE-ENOLOGICHE: vitigno abbastanza vigoroso e fertile, matura abbastanza precocemente (seconda metà di settembre). Il mosto è molto ricco di colore, e produce un vino rosso comune da pasto.

Zucchero 18-20%; ac. tot. 6,00-6,50%; pH 3,20-3,30.

Vino Rosso Pugliese: Malvasia Nera di Brindisi

FOGLIA: grande, pentagonale, quinquelobata con seno peziolare a lira chiusa; pagina superiore glabra, verde bottiglia, opaca; pagina inferiore vellutata, verde chiaro, opaca.

GRAPPOLO: di media grandezza, semplice o alato, mediamente allungato; acino di media grossezza, sferoide, regolare; buccia pruinosa, consistente; succo poco colorato; polpa molle con sapore speciale; in media 3 vinaccioli per acino.

CARATTERISTICHE VITICOLE-ENOLOGICHE: di buona vigoria e di produzione media e regolare, matura la prima quindicina di settembre. E’ utilizzata prevalentemente per la vinificazione, sia vinificata da sola che in uvaggio, dando origine ad un buon vino da pasto. Inoltre si usa anche per la produzione di filtrati dolci o vino da taglio.

Zucchero 22-24%; ac. tot. 8-9%.

Vino Rosso Pugliese: Malvasia Nera d Lecce

FOGLIA: media o grande, pentagonale, quinquelobata con seno peziolare a lira; pagina superiore aracnoidea, verde cupo, opaca; pagina inferiore aracnoidea, verde-grigiastra, opaca.

GRAPPOLO: di grandezza media, di forma conica, allungato con un’ala; acino medio, sferoide, regolare di colore blu; buccia pruinosa, sottile; polpa carnosa, dolce a sapore semplice; succo colorato; 2-3 vinaccioli per acino.

CARATTERISTICHE VITICOLE-ENLOGICHE: vitigno di media vigoria e di produzione discreta ma costante. Maturazione dell’uva tra fine settembre e i primi di ottobre. Generalmente la Malvasia nera viene usata in uvaggio con altre varietà; se vinificata da sola dà un vino alcoolico ma di bassa acidità.

Vino Rosso Pugliese: Merlot

FOGLIA: di grandezza media, pentagonale, tri o quinquelobata; seno peziolare ad U largo con bordi sovrapposti; pagina superiore glabra, verde chiaro; pagina inferiore aracnoidea, verde oliva.

GRAPPOLO: di grandezza media, piramidale, con 1 o 2 ali; acino medio, sferico; buccia pruinosa di colore blu-nero; succo incolore; polpa molle a sapore neutro, poco acida; in media 2-3 vinaccioli per acino.

CARATTERISTICHE VITICOLE-ENOLOGICHE: vitigno di notevole vigoria, con produzione abbondante e costante, matura dalla fine di settembre ai primi di ottobre. Utilizzo esclusivamente per vinificazione, dà un buon vino da pasto, ma con scarsa acidità. Per tale caratteristica è spesso usato per correggere prodotti più ricchi di acidità.

Zucchero 19-22%; ac. tot. 5,0-6,0%; pH 3,40.